Salute antidolorifico Pzm21 possibile sostituto della morfina

Published on agosto 19th, 2016 | by Caterina Stabile

0

L’antidolorifico Pzm21 possibile sostituto della morfina

antidolorifico Pzm21 possibile sostituto della morfina

antidolorifico Pzm21 possibile sostituto della morfina

Per scongiurare gli effetti collaterali associati alla somministrazione della morfina, che tende a provocare un’alterazione del ritmo respiratorio, è stata da lungo tempo avviata una specifica sperimentazione per formulare una terapia farmacologica sostitutiva valida: da decenni si cerca infatti un sostituto degli oppioidi più sicuro con lo scopo di trattare il dolore. Tra le recenti ricerche scientifiche va segnalata quella condotta dal team internazionale di scienziati coordinato da Brian K. Shoichet, professore di chimica farmaceutica presso l’Università della California di San Francisco, i risultati ottenuti hanno portato allo sviluppo di un nuovo antidolorifico che dimostra un’efficacia simile alla morfina, garantendo un grado più alto di sicurezza. Nello specifico il nuovo farmaco ribattezzato Pzm21, impiegato come sostituto della morfina, non innescherebbe gli effetti collaterali associati alla somministrazione di presidi medici della classe degli oppioidi, ed attiverebbe nel cervello un processo molecolare in grado di inbire il dolore riproducendo un effetto paragonabile a quello determinato dalla morfina; inoltre il farmaco Pzm21 non presenterebbe altri effetti collaterali connessi con il trattamento a base di oppioidi come ad esempio la stitichezza ed una forma di dipendenza.

Secondo gli scienziati dell’Università della California di San Francisco anche se deve venir indagata l’azione dell’antidolorifico Pzm21, che ad oggi è stato testato esclusivamente testato su un gruppo di topi, i risultati positivi delineati dallo studio, in seguito pubblicato sulla rivista Nature, offrirebbero dei risvolti incoraggianti in ambito medico e sperimentale per quanto riguarda la cura del dolore. Per formulare un approccio  terapeutico efficace e privo di pericoli nel corso della cura del dolore, i risultati di questa ricerca devono essere ulteriormente approfonditi visto che le conferme sono emerse solo dalla sperimentazione animale, lo studio è stato condotto su un campione di roditori, sono dunque necessari degli studi sugli uomini per accertare l’efficacia e l’assenza di eventuali complicanze legate all’antidolorifico Pzm21.

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑