Come funziona

Published on aprile 19th, 2017 | by Caterina Stabile

0

Google Traduttore propone traduzioni dall’inglese all’italiano migliori

traduttore googleGrazie all’implementazione di un sistema di reti neurali, Google Traduttore ha migliorato le traduzioni dei testi dall’inglese all’italiano garantendo in questo modo dei risultati finali più precisi e funzionali. Questo obiettivo raggiunto testimonia come l’intelligenza artificiale sia diventata ormai una componente irrinunciabile per i diversi ambiti tecnologici che sfruttano un sistema di apprendimento automatico ovvero che impiega una rete neurale artificiale (artificial neural network – ANN): un modello matematico che simula i compiti e le funzioni svolti dai neuroni umani visto che si compone di neuroni artificiali. Le migliori prestazioni offerte da Google Traduttore italiano sono da ascrivere ad un sistema di apprendimento automatico che perfeziona continuamente il livello di qualità delle traduzioni attraverso il progressivo utilizzo del servizio di traduzione da parte degli utenti che si affidano a questo strumento. L’affinamento del traduttore si deve sostanzialmente al suo utilizzo costante: attraverso la pratica infatti Google Traduttore garantirà delle traduzioni più curate dall’inglese all’italiano proponendo così un risultato finale più soddisfacente con la proposizione di testi più precisi.

Il traduttore che adotta reti neurali rappresenta un progresso importante rispetto al precedente sistema usato da Google, si tratta infatti non solo di un’evoluzione di tipo tecnologico ma anche di una significativa novità nell’ambito della comunicazione interculturale con lo scopo di facilitare gli scambi linguistici quando si utilizzano lingue differenti, e di acquisire maggiori competenze linguistiche e comunicative. Le potenzialità dell’intelligenza artificiale sono diventate parte integrante di Google Traduttore permettendo la diffusione di tipi di traduzioni più dettagliate, alle quali possono accedere utenti di tutto il mondo, o meglio della maggior parte delle nazioni dove si adopera questo strumento, a cui è possibile connettersi dalle app per iOS e per i dispositivi Android, oppure dall’indirizzo translate.google.it ma anche tramite la Ricerca Google; a quanto pare sarà presto possibile sfruttare queste prestazioni migliorate anche per le traduzioni automatiche delle pagine in Chrome.

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑