Warning: Declaration of Description_Walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = Array, $id = 0) in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/functions.php on line 0
Epilissia: come analizzare la risposta ai farmaci | Anno Polare Notizie dell'ultim'ora



Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 52

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 53

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 54

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 55

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 56

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 57

Warning: A non-numeric value encountered in /home/annop547/public_html/wp-content/themes/gonzo/single.php on line 58
Salute

Published on giugno 28th, 2018 | by Caterina Stabile

0

Epilissia: come analizzare la risposta ai farmaci

Uno studio italiano condotto da ricercatori modenesi di Unimore, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e dell’AUSL di Modena, sostenuto dai finanziamenti erogati dal ministero della Salute nell’ambito di un progetto di ricerca finalizzata, ha rilevato che attraverso un prelievo del sangue si potrebbe scoprire nei bambini che soffrono di epilessia la risposta positiva ai farmaci antiepilettici. I dati dello studio italiano pubblicati sulla rivista “Neurology” rivelano questo esisto dopo aver analizzato un campione di 114 bambini sotto i 14 anni, nello specifico il focus degli studiosi si è concentrata sui livelli plasmatici di ghrelina e del suo derivato, des-acil ghrelina, si tratta di ormoni che vengono prodotti dallo stomaco. Queste sostanze da diverso tempo hanno catturato l’attenzione dei ricercatori che si sono impegnati a condurre indagini sperimentali per identificare le proprietà antiepilettiche di questi ormoni, anche se fino ad oggi questo campo di indagine non ha riguardato l’uomo. Altre notizie su http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2018/06/27/epilessia-prelievo-sangue-rivela-risposta-bimbi-a-farmaci_89b7e577-3807-454d-a9e0-c8835ad86948.html.

Il team di ricercatori italiani ha rivolto tutto il suo impegno a rintracciare la presenza di una possibile relazione con la risposta ai farmaci antiepilettici, allo stesso tempo lo studio dei ricercatori modenesi è riuscito a dimostrare come gli ormoni ghrelina e des-acil ghrelina vengono prodotti in maggior quantità nei pazienti che hanno una risposta positiva nei confronti dei farmaci contro l’epilessia; in particolare si sono registrati dei valori plasmatici raddoppiati di ghrelina nei pazienti responsivi ai farmaci. Questi risultati fanno pensare di conseguenza che tali ormoni siano importanti per determinare una riduzione delle crisi epilettiche, si è ipotizzato anche che ghrelina e des-acil ghrelina possano rappresentare un possibile biomarcatore di risposta nei confronti dei farmaci prescritti come trattamento di cura dei pazienti affetti da epilessia. Quindi gli ormoni ghrelina e des-acil ghrelina potrebbero costituire il primo biomarcatore indispensabile per monitorare la risposta positiva alla terapia farmacologica eseguendo un semplice prelievo ematico.


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑