Senza categoria

Published on dicembre 26th, 2017 | by Caterina Stabile

0

Aumento del numero di casi di influenza

Nel mese di dicembre, che decreta ufficialmente l’arrivo della stagione invernale, si registra di solito il periodo della maggiore diffusione dei virus influenzali, ed anche il 2017 ha evidenziato un aumento del numero di casi di influenza, soprattutto nei bambini. Il culmine del periodo epidemico è stato rilevato con l’inizio del mese di dicembre, quando è stata rilevata un’incidenza di 4,47 casi per mille assistiti per un totale di circa 270.000 casi. In base ai dati resi noti dall’Influnet dell’Istituto superiore di sanità (Iss) è stato toccato il tetto di più di un milione di casi di sindromi influenzali, ed i soggetti maggiormente colpiti sono principalmente i bambini quelli compresi nella fascia di età sotto i cinque anni, un’altra fascia di età molto colpita quest’anno dai virus influenzali è rappresentata dagli adolescenti (con età media 14 anni ). Le aree geografiche che sono state maggiormente ineressate dal focus di epidemia influenzale si trovano soprattutto al Nord, nella classifica figurano ai primi posti: Piemonte, Val d’Aosta, provincia autonoma di Trento, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Basilicata e Calabria. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://www.repubblica.it/salute/medicina/2017/12/24/news/aumento_dei_casi_di_influenza_soprattutto_nei_bambini-185091508/.

Da quanto evidenziato dall’analisi condotta  dall’Influnet dell’Istituto superiore di sanità, il livello dell’incidenza dei virus influenzali di questo 2017 è paragonabile a quello dello scorso anno, anche se si preannunciano dei virus più pericolosi. L’influenza di questo inverno sarà la peggiore degli ultimi decenni a causa della virulenza che accompagna i patogeni responsabili degli attuali focus virali influenzali, ed i principali virus che si sono diffusi in Europa, dopo aver colpito in il sud-est asiatico e la penisola araba, sono rappresentati da tre ceppi: il ceppo A (H3N2) e due nuovi ceppi A e B (A/Brisbane e B/Florida). Per quanto riguarda il quadro dei sintomi, questi ceppi virali sono responsabili di manifestazioni tipiche delle sindromi influenzali quali: febbre alta, mal di testa, debolezza generale, dolori articolari. Per scongiurare i casi di infezione è importante mettere in atto una valida prevenzione, che consiste essenzialmente nel non trascurare alcune buoni abitudini quali: lavarsi le mani, coprirsi la bocca quando si starnutisce o si tossisce, non frequentare ambienti affollati e chiusi.


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑