Senza categoria

Published on gennaio 21st, 2017 | by Caterina Stabile

0

Il 2016, l’anno più caldo degli ultimi 35 anni

Il 2016, l’anno più caldo degli ultimi 35 anni

La Nasa e la Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration – Agenzia federale Usa per la meteorologia) hanno ribadito che il 2015 ed il 2016 sono stati degli anni record per quanto riguarda il caldo. Nello specifico le temperature medie registrate nel corso del 2016 sono state di 0,99 gradi Celsius superiori rispetto alla media del XX secolo; nel corso degli anni le tecniche di rilevamento sono cambiate anche se le misurazioni più recenti sono state eseguite grazie al lavoro congiunto di satelliti, stazioni meteorologiche e boe marine, in associazione ai dati raccolti attraverso osservazioni aeree e navali.

Dai dati raccolti dall’ente spaziale americano, la temperatura media della superficie del pianeta è andata incontro ad un aumento di circa 1,1 gradi Celsius a partire dalla fine del XIX secolo, si tratterebbe di un significativo mutamento climatico da ascrivere principalmente all’aumento della produzione di anidride carbonica e di altre emissioni di gas serra prodotti nell’ambiente direttamente dell’uomo nel corso della sua vita quotidiana. Il 2016 è stato l’anno più caldo sul pianeta dal 1880, e la maggior parte del riscaldamento terrestre si è registrato negli ultimi 35 anni, con 16 dei 17 anni più caldi registrati a partire dal 2001. La Nasa e la Nooa hanno evidenziato che le temperature stanno raggiungendo dei livelli alquanto preoccupanti per il benessere dell’umanità determinando un incremento di cambi climatici repentini ed estremi con sfasamenti stagionali con improvviso passaggio dal bel tempo al brutto tempo. Il principale responsabile ad aver scandito il cambiamento climatico che ha portato al riscaldamento terrestre negli ultimi anni è stato individuato nell’aumento dell’inquinamento atmosferico che trova nell’eccessiva produzione di anidride carbonica la sua principale fonte di segnalazione.

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑